Mappa non disponibile

Data / Ora
Date(s) - 10/05/2019
20:30

Luogo
TEATRO MARIA APREA

Categorie


Mercante è la storia di un usuraio, “Gigino”, soprannominato “O Malefico”, perché lo è di nome e di fatto.  Unico suo Dio è il DENARO. Piccole e grandi storie di misere miserie, con una scrittura che ricorda le ombre cupe di Mastriani e della Serao.

Siamo in una chiesa o meglio in una cripta. L’atmosfera è criptica. Gli attori sono statue che in fila, come quelle di una chiesa, accompagnano lo spettatore in questo viaggio di cui il pubblico deve fare parte.

Unica nota dissonante in un concerto consonante è la figlia di Gigino, Alina. Alina è l’elemento di rottura, è colei che ha capito, è parte, forse troppo piccola, di quel mondo che vuole ribellarsi e che non ci sta.

La messinscena è pensata affinché ci si immerga, ci si affoghi dentro. Cosicché quando l’atmosfera si farà volutamente onirica il pubblico ormai parte della storia, non avvertirà lontananza, ma entrerà in un processo simbiotico con i protagonisti.

I racconti si scagliano violenti, i personaggi in un evidente richiamo al teatro classico sono senza volto, sono lamento, sono lagna, sono rumore, sono sofferenza.

Un inginocchiatoio, un compleanno, una sussurrata confessione, infine un libricino, un piccolo libricino nero… e poi lo svelarsi lento e pesante di tutti gli uomini e di tutte le donne che rappresentano una società vittima e carnefice allo stesso tempo.

L’usuraio non è solo Gigino ‘O Malefico ma è il Mercante di più famose ed acclamate opere teatrali, è tutti i mercanti!

L’alternanza dei fatti è volutamente svolta in musica e su musica, il canto diventa l’urlo, lo sfogo, la denuncia di quella condizione umana fatta di sopravvivenza, fame e povertà che costringono l’uomo a perdere ogni tipo di dignità.

 

con

Cristina Ammendola

Antonio Tatarella

Marina Billwiller

Peppe Romano

Regia di Vincenzo Borrelli

 

Scene e costumi: C.T.S.

Musiche originali: Miriam Lattanzio – Marco Borrelli

Bookings

Le prenotazioni sono chiuse per questo evento.