Silvio Levante e Michele Marino sono due inguaribili nullafacenti che rifiutano ogni tipo di impegno lavorativo. Silvio si appella alla vecchia storia di un’azienda fallita per colpa di un appalto truccato e Michele si arrangia come può. La loro tranquillissima vita, però, sta per essere messa sotto pressione…
Margherita, figlia di Silvio e fidanzata di Michele, fissata per l’oroscopo è incinta e sta attraversando un periodo di stress pre-parto.
Paolo, l’altro figlio di Silvio, sta per tornare a Napoli dopo aver passato sei anni a Roma per studiare teologia contro il volere di Silvio che è dichiaratamente ateo.
Già questo potrebbe bastare, ma i due non sanno che tutto questo è nulla in confronto a quello che sta per succedergli. Per colpa di un telefonino trovato da Michele per caso, si ritrovano immischiati in una brutta storia che li metterà davanti ad una scelta: sintetizzare una droga, tenendo all’oscuro la suscettibile Margherita e il religioso Paolo, e ricevere 100.000 euro o denunciare tutto alla polizia? Cosa faranno Silvio e Michele? Sceglieranno l’illegale che potrebbe fornirgli finalmente una tranquillità economica oppure il legale che li lascerebbe nella stessa anonima condizione di vita?
Una scelta che indirettamente potrà essere condivisa o meno dagli spettatori che, tra tante risate e incredibili colpi di scena, si chiederanno: ma siamo davvero disposti a tutto per 100.000 euro?


TEATRO MARIA APREA

20 e 21 aprile ore 20:30

Info e prenotazioni: 081.7731243 – 333.1817959 – 333.3295039

info@accademiagiuseppeverdi.it